La ragion d'essere

Ho deciso di sottopormi alla logica del blog. Solo la parola, sino a poco tempo fa, mi richiamava alla mente bolle piene di pus pronte ad esplodere in faccia al malcapitato di turno tutto l'ego dello scrittore improvvisato.
 Un ennesimo show di se stessi in questo mondo fatto di lustrini.
Un facebook senza diritto di replica, un mondo che non mi interessava conoscere e perciò minaccioso.
Poi via via, spiando in punta di piedi soprattutto blog di cucina (di cui uno di una mia amica) e di viaggi, mi sono rasserenata e riappacificata con questo mondo virtuale...
Ed eccomi qui.
Le mie ragioni: sto perdendo traccia delle mie impressioni, delle avventure  giornaliere che stanno segnando questo tratto di vita che  vede la mia famiglia collocata in Cina e ciò mi inquieta. 
Alcune sagge amiche mi avevano suggerito di scrivere un diario, alcune addirittura un libro dopo aver ricevuto qualche mia mail (e sì che i libri li scrivono tutti ormai ...ma non mi ritengo certo degna di cio'). 
Nonostante questo io testarda ho deciso di continuare imperterrita a perdere tracce, prime impressioni, episodi che davvero avrebbero meritato di essere appuntati.
Questo blog perciò sarà la mia memoria e la voglio condividere con gli sconosciuti che per caso si imbatteranno in me. Lo dirò solo a qualche amico, non scriverò, purtroppo, in inglese (il mio inglese, sebbene molto migliorato rispetto ad un anno fa non mi permette certi virtuosismi!), non mi farò pubblicità, ma lo prenderò come un appuntamento, un obbligo, un dovere. 
Non so come funzionano le logiche di ricerca, se è facile che qualcuno venga indirizzato sul mio blog o meno, non so ancora come farò ad inserire immagini, scritte in differenti caratteri, ecc, non so se a leggerlo  tra dieci anni saro' stata solo io, ma almeno sono finalmente pronta a partire!

Commenti

  1. questo e nient'altro è un blog...un diario che ha una sola differenza rispetto a quello a cui eravamo abituate da piccole...non ha il lucchetto. Del resto, non è certo il tipo di diario dove scriveresti "oggi ho incontrato il ragazzo più figo della terra" oppure "mia mamma è una gran rompicoglioni"..eheheh. E' li per te e per chi ci capita...un appunto, l'impressione di un momento e la condivisione di un pensiero, una ricetta, un luogo visto, un momento vissuto. Ti auguro una bella "blog-esperienza"! Io intanto son già qui a leggere e immaginarmi la Cina e i suoi posti e le sue usanze...in attesa di poterle un giorno provare direttamente sulla mia pelle!

    RispondiElimina
  2. Non trovo il tasto "Mi piace" :)

    RispondiElimina
  3. è perchè non siamo su facebook! ahahahaha

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio per averci pensato e averlo iniziato... io mi trasferirò in Cina in agosto, e leggere i vostri blog mi aiuta ad entrare nell'atmosfera che troverò, e cercare di abituarmi in anticipo alle tante differenze!!

    RispondiElimina
  5. Che bello sapere di poter essere utile ad altri pronti all'avventura , grazie!
    In bocca al lupo e unisciti anche tu cosi' ci consoliamo e ci facciamo un po' di ridere insieme!

    RispondiElimina
  6. Ho cominciato a tenere il mio diario quando con la mia famiglia nel 2008 siamo partiti per Asmara. Sai perché? Perché avevo vissuto all'estero trent'anni prima e di tutto quello che avevo visto e provato allora non era rimasto che qualche labile ricordo. Quando poi però ho avviato il blog ho anche visto che era bellissimo tenere i rapporti con altre expat, con gli amici e con i parenti tramite questo struemnto.

    RispondiElimina
  7. Hai proprio ragione. Mi sono gia' persa le prime impressioni e voglio provare a recuperarle giacche' sono passati meno di due anni ma tutto ora mi comincia a sembrare normale, parte di me.Grazie per essere passata di qua. Io verro' a trovarti di sicuro!

    RispondiElimina
  8. Cara! Capisco benissimo i tuoi tormenti...le partenze sono sempre difficili!
    Io sono in prima fila a sostenere i giovani coraggiosi!

    RispondiElimina

Posta un commento